Accesso civico

ultimo aggiornamento: 30/01/2017

Accesso civico

artt. 5 e 5-bis decr. legisl. n. 33/2013 e n. 97/2016

Linee-guida ANAC – Autorità Nazionale Anti-Corruzione

Che cos'è
Diritto d'accesso di chiunque a:
- documenti, dati e informazioni per i quali, pur essendo prevista, non è stata effettuata la pubblicazione
- documenti ulteriori detenuti dalla Pubblica Amministrazione


Obiettivo
Favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche


Titolari del diritto di accesso
Chiunque


A chi va rivolta l'istanza
L'istanza (con la specificazione di documenti, dati e informazioni richiesti) è inviata, anche per via telematica, a:
a) Ufficio che detiene documenti, dati e informazioni richiesti;
b) Ufficio Relazioni con il Pubblico;
c) Responsabile prevenzione e corruzione
(ove l'istanza abbia per oggetto dati, documenti e informazioni oggetto di pubblicazione obbligatoria).


Limiti al diritto di accesso
L'accesso può essere negato (con espressa motivazione) per la tutela di interessi pubblici e privati.
1. Il rifiuto per la tutela di interessi pubblici deve essere inerente:
a) sicurezza pubblica e ordine pubblico;
b) sicurezza nazionale;
c) difesa e questioni militari;
d) relazioni internazionali;
e) politica e stabilità finanziaria ed economica dello Stato;
f) conduzione indagini su reati e loro perseguimento
g) regolare svolgimento di attività ispettive.
2. L'accesso è altresì rifiutato per evitare un pregiudizio concreto alla tutela di uno dei seguenti interessi privati:
a) protezione dati personali;
b) libertà e segretezza della corrispondenza;
c) interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica, ivi compresa la proprietà intellettuale, il diritto d'autore e i segreti commerciali.


Controinteressati
Nel caso in cui l'amministrazione individui dei soggetti controinteressati , è tenuta a dare loro comunicazione della presentazione dell'istanza di accesso ricevuta.
I controinteressati hanno dieci giorni per presentare la loro motivata opposizione alla richiesta.


Conclusione procedimento
Il procedimento deve concludersi con provvedimento espresso e motivato entro trenta giorni dalla presentazione dell'istanza


Richiesta riesame procedimento
In caso di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta entro trenta giorni, il richiedente può presentare richiesta di riesame al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.
Anche i controinteressati, in caso di non accoglimento della loro proposta di diniego  dell'acceso, possono presentare richiesta al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.


Ricorso contro diniego accesso
Avverso la decisione o, in caso di richiesta di riesame, avverso quella del responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, il richiedente può proporre ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale.

Dati e Informazioni scaricabili:

Visualizza 1 risultato.